CARTA DEI SERVIZI

La sensibilità dellerezione è scomparsa

la sensibilità dellerezione è scomparsa

Calo della libido e disfunzione erettile in chi ha una patologia autoimmune Consigli per arrivare a capire se il disturbo attiene alla sfera sessuale o meno. Avverto adesso un progressivo e costante decadimento della libido e della trattamento del pene negli uomini dell'erezione, nonché la pressoché totale scomparsa delle erezioni spontanee.

Pol-it Social

Il fenomeno è stato parzialmente rallentato negli la sensibilità dellerezione è scomparsa mesi attraverso l'assunzione di pappa reale. Faccio presente che soffro di ipertensione attualmente ben controllata con irbesartan e Amlodipina 10 mg e assumo azatioprina mg per curare una glomerunonefrite proliferativa focale associata a immunità antifosfolipidi.

Trattamento locale in crema contro il deficit dell'erezione

La terapia farmacologica, in atto dal maggionon ha mai interferito con l'attività sessuale. Stile di vita: no fumo, no alcool, alimentazione controllata e attività fisica regolare cammino a passo veloce chilometri al giornodue caffè al giorno.

Vorrei sapere se nel mio caso l'assunzione di testosterone abbia o meno controindicazioni e se l'assunzione possa essere effettuata anche in via non continuativa es.

la sensibilità dellerezione è scomparsa

Risposta - Il complesso quadro che emerge dalla sua precisa descrizione sembra definire un disturbo sessuale completo ed ingravescente comparso verosimilmente a seguito di una patologia autoimmunitaria con probabile alterazione del compartimento vascolare e compromissione parziale della funzione renale. Ritengo opportuno consigliarle di eseguire, come indagini di primo livello, un dosaggio ematico del testosterone totale, del PSA ed un ecocolordoppler penieno dinamico al fine di porre una diagnosi di natura del suo problema sessuale e per instaurare quindi una terapia adeguata.

Metti le tue passioni in un libro: pubblicalo!

Solo nel caso di un deficit di testosterone la terapia sostitutiva potrebbe essere di qualche giovamento nel suo caso ed attuata se la funzione renale non sia compromessa in maniera significativa e non vi siano particolari alterazioni dei fattori della coagulazione. In tal caso i preparati trans-dermici la sensibilità dellerezione è scomparsa gel garantiscono livelli plasmatici di testosterone vicini alle concentrazioni fisiologiche e possono essere facilmente sospesi nel caso in cui ve ne sia la necessità.

Indispensabile ritengo sia una visita andrologica per una adeguata definizione diagnostica e terapeutica del suo caso. Cosa fare in caso di ematospermia Domanda - Gentilissimo professore, ho 59 anni, da due anni circa soffro di ematospermia.

la sensibilità dellerezione è scomparsa

Quando ho rapporti sessuali al momento dell'orgasmo, assieme allo sperma mi esce del sangue. All'inizio non mi succedeva, ma ora ogni volta che ho l'eiaculazione lo sperma è sempre misto a sangue fresco. In altri momenti lo sperma rimane soltanto di color rosa ed altre volte è molto scuro come fosse sangue vecchio.

Affitto di stanze ad uso studio professionale

Questo sangue, ultimamente mi viene fuori dal pene anche quando spingo per andare di corpo. Non ho alcun dolore la sensibilità dellerezione è scomparsa non ho bruciore, urino bene, anche l'eiaculazione non presenta sintomi e il piacere è normale.

La sua esistenza, negata dai medici per molto tempo, letteralmente significa: arresto o diminuzione da parte del maschio della produzione degli ormoni androgeni, e fra questi soprattutto del testosterone libero. La menopausa per la femmina è invece il brusco arresto di produzione degli ormoni femminili estrogeni e progesterone. Nella donna è appunto un evento fisiologico normale ad una certa età intorno ai 50 anni. Diagnosi La diagnosi viene fatta eseguendo il dosaggio ormonale degli ormoni androgeni: tra questi quello più importante è il testosterone libero T. Si evidenzia anche un graduale aumento del dosaggio degli ormoni ipofisari LH e FSH rispettivamente come risposta al deficit della produzione androgena e della diminuita fertilità maschile.

La prostata dalle indagini risulta normale, il PSA è 0, Lavoro sempre seduto per otto ore e inoltre faccio molta bicicletta, cinque volte alla settimana di allenamento. Le cure che ho fatto ultimamente sono: compresse con Estratto lipido-sterolico di Serenoa repens e delle supposte di Beclometasone una al giorno senza notare miglioramenti.

Chi ha letto questo articolo ha letto anche…

Lo specialista che ho consultato dice che non si sa da dove mi viene e non ha dato molta importanza alla cosa, secondo lei quali esami dovrei fare? Ci saranno problemi futuri con questa patologia?

Posso continuare a fare bicicletta?

Pertanto, quando ci si trova di fronte ad una disfunzione sessuale in un soggetto in trattamento con psicofarmaci, risulta estremamente importante valutare se tale condizione rappresenta l'espressione del disturbo psichiatrico sottostante, se essa è collegata, col significato di effetto collaterale indesiderato, alla terapia psicofarmacologia, oppure se la sua esistenza è indipendente da entrambi i fattori, essendo preesistente o comunque non correlata ad essi. Nel trattare le disfunzioni sessuali faremo riferimento allo schema di Masters e Johnson 47 che suddivide l'attività la sensibilità dellerezione è scomparsa in quattro fasi: eccitamento, plateau, orgasmo e risoluzione. Le difficoltà sessuali possono insorgere in una o più di queste fasi. Qaundo la disfunzione insorge nella fase dell'eccitamento, si concretizza come riduzione della libido e della propensione ad avere rapporti sessuali, e quindi, nel maschio, con la mancanza dell'erezione, nella donna, con la mancanza della lubrificazione vaginale.

Generalmente si risolve spontaneamente e raramente è secondaria a una patologia urologica significativa. Le suggerisco innanzitutto di utilizzare nei prossimi rapporti il preservativo, per verificare l'eventuale ripetersi del sanguinamento; se dovesse ripresentarsi, sarebbe utile una visita specialistica andrologica associata a una serie di indagini: spermiocoltura con antibiogramma, dosaggio del PSA, valutazione della pressione arteriosa, esame citologico del sedimento urinario e, se ritenuto opportuno dallo specialista dopo un accurato esame obiettivo, un'ecografia prostatica transrettale.

Pene curvo Domanda - Mi chiamo Giuseppe, ho il pene curvo e vorrei sapere se gli estensori per l'allungamento del pene possono correggere la curvatura e aumentare le dimensioni come dicono.

la sensibilità dellerezione è scomparsa

Risposta - Devo dirle che i lavori scientifici pubblicati riguardo l'efficacia di un estensore esterno nella correzione della curvatura del pene sono pochi e per lo più consistono in abstracts congressuali.

Ritengo significativo tuttavia citare un lavoro multicentrico, principalmente condotto dalle divisione di Urologia delle Università di Torino e Firenze, e pubblicato abbastanza recentemente su una rivista di sessuologia medica, in cui l'uso di tali estensori penieni ha prodotto risultati di efficacia, seppur modesti, nel ridurre la curvatura del pene e nell'aumentarne la lunghezza nel gruppo di pazienti coinvolti nello studio.

Mi permetto di consigliarle la visita di uno specialista in urologia prima di acquistare un estensore.